Il candidato presidente alle prossime elezioni regionali per la lista ‘ Sinistra per la Lombardia’, Massimo Gatti, ha partecipato ieri pomeriggio, a Cremona, al banchetto allestito in centro da attivisti e simpatizzanti che hanno raccolto le prime firme per la presentazione della lista. Trai presenti anche Elia Mecatti, giovane cremonese candidato nella lista provinciale. «Sinistra per la Lombardia - spiega Gatti - è la Usta che unisce la sinistra sociale e politica, quella che si è distinta nelle lotte che nella nostra Regione si sono opposte alla gestione regressiva del centro destra di Maroni e alla politica dei governi nazionali di centro-destra e di centro-sinistra, entrambi interni alle logiche liberiste: distruzione del welfare, privatizzazione dei servizi, grandi opere inutili, consumo di suolo, drenaggio di fondi dal pubblico al privato a partire dalla sanità e dalla istruzione. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: un declino spaventoso, l’indice di disuguaglianza più alto nel Nord Italia, crescita della povertà (il 10 % contro un 6% nazionale), la rapina dei beni comuni e del territorio considerati occasione per gli affari (Brebemi, Pedemontana, Tem, Tav, stoccaggi, trivellazioni e molto altro ancora). Bisogna cambiare. Ma dobbiamo partire subito e senza indugi perché siamo consapevoli di affrontare nel concreto anche una grande e decisiva battaglia per la democrazia: dovremo raccogliere più di 20.000 firme in tutta la Lombardia, tante quante si raccolgono in tutta Italia per le politiche. Noi non abbiamo infatti il privilegio accordato ai gruppi consiliari esistenti in Consiglio regionale. In questi giorni si sono già messi in moto i trasformismi più indicibili, per mettere insieme gruppi raffazzonati pur di non raccogliere le firme. Noi contesteremo in tutte le sedi e in tutti i modi queste norme, che fanno delle elezioni regionali una partita truccata», conclude Gatti.

Nel prossimo fine settimana partirà anche la raccolta firme per la lista "potere al popolo" per le elezioni politiche nazionali.

 

SINISTRA PER LA LOMBARDIA PER MASSIMO GATTI PRESIDENTE.

Milano 10/01/2018

Si è svolta questa mattina davanti a “Palazzo Lombardia” la conferenza stampa di presentazione della lista “SINISTRA PER LA LOMBARDIA” e del candidato Presidente MASSIMO GATTI.

E’ una lista che intende dare voce a quanti in questi anni si sono opposti, inascoltati, alla devastazione del territorio alle privatizzazioni della sanità e del patrimonio residenziale pubblico, alla svendita dei beni comuni alla negazione dei diritti delle donne, ad una cultura razzista, all’abbandono della scuola pubblica, all’ignavia di fronte al declino dell’economia lombarda.

Con Massimo Gatti entreranno finalmente nel consiglio regionale le istanze sociali e la domanda di diritti fino ad ora calpestati.

Il nostro programma indica proposte articolate per:

un reddito minimo garantito
– un servizio sanitario pubblico universale e gratuito
– la centralità della scuola pubblica
– Il diritto allo studio
– Gli investimenti nell’edilizia scolastica
– Soddisfare il grande fabbisogno abitativo tramite il rilancio dell’edilizia pubblica senza consumo di suolo
– Una nuova economia agricola ecologica.
– La salvaguardia del territorio dalla cementificazione e dalle grandi  opere inutili e dannose.
– La salvaguardia dei beni comuni
– Un modello economico a basso impatto energetico ed ambientale
– Una Lombardia denuclearizzata

Sinistra per la Lombardia da appuntamento a domani, 11 gennaio, dalle ore 10:30 a Milano in Piazza della Scala angolo Galleria, per iniziare la campagna di raccolta firme per la presentazione della lista e denunciare il fatto che le elezioni regionali  si configurano come una partita truccata a causa dell’abnorme numero di firme previste per la presentazione delle liste: 20.000 firme che dovremo raccogliere in pieno inverno, tante quante ne servono in tutta Italia per presentare la lista nazionale.

 

Mercoledì 3 gennaio dalle 21 presso la sala eventi di spazio comune, piazza Stradivari, Cremona
ASSEMBLEA: COSTRUIAMO UNA LISTA POPOLARE ALLE PROSSIME ELEZIONI POLITICHE!

Sabato 18 novembre a Roma è successo qualcosa di incredibile. 800 persone hanno riempito il Teatro Italia, per un’assemblea nazionale convocata nemmeno tre giorni prima. Tanti giovani, tante donne, tanti lavoratori, di diverse nazionalità, tanti movimenti di lotta per i diritti sociali, per la tutela dei territori, contro le discriminazioni di ogni genere!
La giornata di sabato ha dato entusiasmo e si è fatta carico di un messaggio forte che sta attraversando come una scarica tutta l’Italia: solo noi possiamo riprenderci il posto che ci spetta nell’agenda politica di questo paese!
Chi siamo noi? Siamo quelli che non vengono mai interpellati: i lavoratori che devono far quadrare i conti a fine mese; i migranti che vengono cacciati e ridotti in schiavitù; i disoccupati e i poveri che vengono abbandonati al loro destino; le donne vittime di soprusi e discriminazioni; gli studenti consegnati a un futuro di sfruttamento e a un’istruzione di bassa qualità. Siamo le persone normali, quelli colpiti dalle politiche dei governi, quelli che non hanno voce… ma che non si sono arresi.
A partire dai bisogni urgenti e inascoltati del popolo, dall’assemblea del Teatro Italia stiamo ripartendo per convocare momenti territoriali in tutte le province e regioni d'Italia!

Il 3 gennaio ci diamo appuntamento a Cremona.

Ancora una volta possiamo dimostrare che in tutto il paese, nonostante malgoverno, mafie, speculatori, abbandono istituzionale, si sta ricostruendo un fronte d’alternativa, di solidarietà, di protagonismo delle forze vive del territorio!
Vediamoci, discutiamo il programma – che poi significa discutiamo di ciò di cui abbiamo bisogno realmente! – organizziamo le prossime mosse, sentiamoci parte di qualcosa che sta nascendo e che finalmente può rompere il teatrino della vecchia politica, scalzarlo con un’alternativa concreta!
Istruzione, sanità, lavoro, tutela ambientale, lotta alla corruzione e alle mafie, controllo popolare: un programma che metta al centro le nostre esigenze, i nostri desideri, i nostri sogni. Per farlo, abbiamo bisogno del vostro aiuto!
Insieme non potranno più ignorarci!


Bisogna sognare

 

Rifondazione Comunista-SE rinnova il suo impegno per le prossime elezioni politiche nella costruzione di una lista unitaria, larga, plurale, popolare, nettamente alternativa, nei programmi e nelle candidature, alle Destre, al M5S, al PD e alle nuove aggregazioni di centrosinistra. Il PRC-SE considera questo passaggio elettorale un passo importante verso la costruzione di una forza e di uno schieramento popolare che lavori per un’alternativa di società. Ma per far questo è necessario avanzare una proposta che unisca programmi, lotte, conflitti, pratiche sociali e mutualismo. Una proposta che tenga insieme le tante forme del fare politica oggi: movimenti, sindacati, centri sociali, associazionismo, partiti, esperienze civiche territoriali; una proposta radicale che valorizzi chi ogni giorno fa militanza con sacrificio e passione lottando per i diritti e la trasformazione della società. Una proposta che si intrecci con il movimento delle donne, la mobilitazione per la scuola pubblica e le lotte sociali, a partire da quelle contro la precarietà e per l’abolizione della riforma Fornero. L’unificazione e lo sviluppo di queste lotte è condizione essenziale per aprire concretamente la strada dell’alternativa e per sconfiggere la logica della guerra tra i poveri di cui si nutrono le destre fascistoidi e razziste.

Da alcune settimane si è riaperto un acceso dibattito tra favorevoli e contrari al progetto della strada sud, striscia di asfalto che l'attuale amministrazione comunale vuole cancellare dal PGT. La bontà dell'opera è rivendicata a gran voce dall'opposizione di centro-destra nonostante studi e rilievi ne sottolineino l'inefficacia. Infatti la nuova arteria, oltre che sconvolgere un'area ancora verde e golenale della città non risolverebbe affatto i problemi di traffico e inquinamento atmosferico lamentati dai residenti di via del Giordano.

A Cremona sabato 25 novembre alle ore 16 presso la sede di via Cavitelli 4 

la Federazione del Partito della Rifondazione Comunista-SE organizza   

 

"Rivoluzione d'ottobre. Dal Capitalismo al Socialismo.

E viceversa."

 

conversazione con DINO GRECO componente della Direzione Nazionale del PRC-SE

 

a seguire Aperisoviet, aperitivo comunista

 

Non mancare!

Pubblichiamo il documento politico e l’odg approvati dalla direzione nazionale del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea domenica 19 novembre 2017.

 

Per una lista della sinistra antiliberista alternativa al PD e alle destre

 

Rifondazione Comunista da anni lavora per aggregare la sinistra antiliberista nel nostro paese. Abbiamo partecipato al “percorso del Brancaccio” accogliendo l’idea di una lista che unificasse la sinistra sociale e politica e le tante forme di civismo e partecipazione su un programma di attuazione della Costituzione e di netta alternativa al PD le cui politiche da anni sono “indistinguibili da quelle della destra”.

 

Lo abbiamo fatto nella prima assemblea nazionale, lo abbiamo fatto lavorando in maniera determinante, assieme con L’Altra Europa, nella promozione delle tante assemblee territoriali che si sono svolte in questi mesi e che avrebbero dovuto portare, attraverso un percorso partecipato ed inclusivo, a determinare per le prossime elezioni politiche la presenza di una lista unitaria di una sinistra nuova e radicale.

 

COMUNICATO STAMPA

 

Sinistra - Acerbo (PRC-Se): «Domani a Roma con “Je so pazzo” per una lista di sinistra, cioè popolare»

 

«Da troppi anni - dichiara Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista - Sinistra Europea - i ceti popolari di questo paese sono privi di rappresentanza e oggetto di un attacco continuo ai diritti. Per questo ho accolto con gioia l’appello lanciato dall’Ex Opg “Je so’ pazzo” e parteciperò all’assemblea che si terrà domani a Roma, al teatro Italia, in via Bari 18, alle 11, per una lista in vista delle ormai prossime elezioni politiche.