Ieri sera ( 27 febbraio )  in sala Zanoni a Cremona  si è tenuto, organizzato dalla lista Sinistra per la Lombardia, un momento informativo sul gestore dei malati cronici, nuovo metodo, voluto da Regione Lombardia, di cura e gestione di chi è affetto da malattie ritenute croniche e che riguarda circa 3 milioni e mezzo di cittadini.

Lettera pubblicata e poi rimossa da Cremonaoggi ancora accessibile in google cache.

https://goo.gl/6jzLK9

Egregio Direttore,
constato che sulla vicenda Armaguerra nessuna forza politica ha nulla da commentare, tranne l’assessore Virgilio che deve difendere l’operato suo e della Giunta Galimberti.
Troviamo assai curioso  che dopo ogni elezione la nuova Amministrazione senta il bisogno di modificare il piano regolatore se, stando a quel che afferma Virgilio, in certi casi più di tanto non si può intervenire, come sta avvenendo per l’Armaguerra.

Martedì 27 febbraio alle ore 21,00 in sala Zanoni (via Vecchio Passeggio 1

In queste settimane la Regione Lombardia sta inviando ai pazienti affetti da malattie croniche delle lettere per
promuovere l'adesione all'ultima riforma sanitaria approvata, quella che ha creato la figura del gestore del
paziente cronico. La riforma è presentata come la risoluzione di tutte le difficoltà e di tutti i disservizi cui va incontro il paziente cronico: in realtà le cose non stanno così! Ci sono infatti aspetti importanti della riforma volutamente taciuti o non chiariti da parte chi la propone.
E' obbligatorio aderire alla riforma? Cos'è il patto di cura con il gestore? Quanto dura? Il medico di base serve ancora? Quali sono i costi della riforma? Ci saranno risparmi e vantaggi per la sanità pubblica o sarà l'ennesima privatizzazione chiamata con un altro nome?
Per fare chiarezza e approfondire le conseguenze che la scelta del gestore può avere sugli utenti e la loro salute e sulla tenuta del sistema sanitario regionale abbiamo organizzato l'assemblea pubblica dal titolo "Cos'è il gestore per i malati cronici?" martedì 27 febbraio alle ore 21,00 in sala Zanoni (via Vecchio Passeggio 1 Cremona).
Saranno nostri ospiti FULVIO AURORA responsabile vertenze di MEDICINA DEMOCRATICA e MASSIMO GATTI candidato presidente alla Regione Lombardia per la lista SINISTRA per la LOMBARDIA.
L'assemblea sarà coordinata da CELESTINA VILLA candidata al Consiglio regionale nella lista Sinistra per la Lombardia.
Partecipano e aderiscono i/le candidati/e di "Potere al popolo!" Cremona.

"Potere al Popolo!" "Sinistra per la Lombardia" hanno sin da subito aderito con grande convinzione alla manifestazione antifascista e antirazzista organizzata per domani sabato 10 febbraio a Macerata. Anche altre organizzazioni hanno giustamente scelto di esserci e di sostenere i gruppi e le associazioni locali promotrici della manifestazione: la FIOM, tanti circoli Arci, militanti dell'Anpi, il Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua. Per dare uno sbocco alla ferma volontà di tante e tanti cittadini impossibilitati a recarsi a Macerata è stata indetta per domani dalle organizzazioni antifasciste e della società civile anche una manifestazione a Milano con partenza da piazza Oberdan alle ore 15,30.

Venerdì 2 Febbraio dalle ore 21:00 alle ore 23:00

Presso Spazio comune Comune di Cremona.

I candidati e le candidate della Provincia di Cremona nelle liste di Potere al popolo e di Sinistra per la Lombarda si presentano e illustrano alcuni punti significativi dei due programmi elettorali. Militanti, simpatizzanti, semplici curiosi e giornalisti sono invitati a partecipare. La presentazione sarà una sorta di assemblea aperta dove sarà possibile confrontarsi anche su idee e modalità per le prossime tappe della campagna elettorale. Apertura massima al contributo di ciascuno. Avanti tutta!
- - - - -
Candidati Potere al Popolo per la Camera dei deputati:
Plurinominale Lomb. 4-02: Berardi Francesca, Bellintani Emanuele, Boccia Marcella, Co' Angelo
Uninominali: Albano Rocco (4-04 "Cremona - Crema"), Alghisi Laura (4-05 "Suzzara"), Porcelli Oscar (4-06 "Mantova")
Candidati Potere al Popolo per il Senato:
Plurinominale Lomb. 01: Sampino Brigida, Stoppini Giuseppe, Beduschi Lidia, Carotti Giampiero
Uninominali: Campioni Rita (collegio 16), Lottaroli Mario (collegio 17), Battistelli Cesare (collegio 18)
- - - - -
Candidati Sinistra per la Lombardia per il consiglio regionale (lista della provincia di Cremona):
Antonioli Simone, Villa Celestina, Mecatti Elia, Pellini Giuseppina
- - - - -

 

Il candidato presidente alle prossime elezioni regionali per la lista ‘ Sinistra per la Lombardia’, Massimo Gatti, ha partecipato ieri pomeriggio, a Cremona, al banchetto allestito in centro da attivisti e simpatizzanti che hanno raccolto le prime firme per la presentazione della lista. Trai presenti anche Elia Mecatti, giovane cremonese candidato nella lista provinciale.

SINISTRA PER LA LOMBARDIA PER MASSIMO GATTI PRESIDENTE.

Milano 10/01/2018

Si è svolta questa mattina davanti a “Palazzo Lombardia” la conferenza stampa di presentazione della lista “SINISTRA PER LA LOMBARDIA” e del candidato Presidente MASSIMO GATTI.

E’ una lista che intende dare voce a quanti in questi anni si sono opposti, inascoltati, alla devastazione del territorio alle privatizzazioni della sanità e del patrimonio residenziale pubblico, alla svendita dei beni comuni alla negazione dei diritti delle donne, ad una cultura razzista, all’abbandono della scuola pubblica, all’ignavia di fronte al declino dell’economia lombarda.

Con Massimo Gatti entreranno finalmente nel consiglio regionale le istanze sociali e la domanda di diritti fino ad ora calpestati.

Mercoledì 3 gennaio dalle 21 presso la sala eventi di spazio comune, piazza Stradivari, Cremona
ASSEMBLEA: COSTRUIAMO UNA LISTA POPOLARE ALLE PROSSIME ELEZIONI POLITICHE!

Sabato 18 novembre a Roma è successo qualcosa di incredibile. 800 persone hanno riempito il Teatro Italia, per un’assemblea nazionale convocata nemmeno tre giorni prima. Tanti giovani, tante donne, tanti lavoratori, di diverse nazionalità, tanti movimenti di lotta per i diritti sociali, per la tutela dei territori, contro le discriminazioni di ogni genere!
La giornata di sabato ha dato entusiasmo e si è fatta carico di un messaggio forte che sta attraversando come una scarica tutta l’Italia: solo noi possiamo riprenderci il posto che ci spetta nell’agenda politica di questo paese!
Chi siamo noi? Siamo quelli che non vengono mai interpellati: i lavoratori che devono far quadrare i conti a fine mese; i migranti che vengono cacciati e ridotti in schiavitù; i disoccupati e i poveri che vengono abbandonati al loro destino; le donne vittime di soprusi e discriminazioni; gli studenti consegnati a un futuro di sfruttamento e a un’istruzione di bassa qualità. Siamo le persone normali, quelli colpiti dalle politiche dei governi, quelli che non hanno voce… ma che non si sono arresi.
A partire dai bisogni urgenti e inascoltati del popolo, dall’assemblea del Teatro Italia stiamo ripartendo per convocare momenti territoriali in tutte le province e regioni d'Italia!

Il 3 gennaio ci diamo appuntamento a Cremona.

Ancora una volta possiamo dimostrare che in tutto il paese, nonostante malgoverno, mafie, speculatori, abbandono istituzionale, si sta ricostruendo un fronte d’alternativa, di solidarietà, di protagonismo delle forze vive del territorio!
Vediamoci, discutiamo il programma – che poi significa discutiamo di ciò di cui abbiamo bisogno realmente! – organizziamo le prossime mosse, sentiamoci parte di qualcosa che sta nascendo e che finalmente può rompere il teatrino della vecchia politica, scalzarlo con un’alternativa concreta!
Istruzione, sanità, lavoro, tutela ambientale, lotta alla corruzione e alle mafie, controllo popolare: un programma che metta al centro le nostre esigenze, i nostri desideri, i nostri sogni. Per farlo, abbiamo bisogno del vostro aiuto!
Insieme non potranno più ignorarci!


Bisogna sognare

 

Rifondazione Comunista-SE rinnova il suo impegno per le prossime elezioni politiche nella costruzione di una lista unitaria, larga, plurale, popolare, nettamente alternativa, nei programmi e nelle candidature, alle Destre, al M5S, al PD e alle nuove aggregazioni di centrosinistra. Il PRC-SE considera questo passaggio elettorale un passo importante verso la costruzione di una forza e di uno schieramento popolare che lavori per un’alternativa di società. Ma per far questo è necessario avanzare una proposta che unisca programmi, lotte, conflitti, pratiche sociali e mutualismo. Una proposta che tenga insieme le tante forme del fare politica oggi: movimenti, sindacati, centri sociali, associazionismo, partiti, esperienze civiche territoriali; una proposta radicale che valorizzi chi ogni giorno fa militanza con sacrificio e passione lottando per i diritti e la trasformazione della società. Una proposta che si intrecci con il movimento delle donne, la mobilitazione per la scuola pubblica e le lotte sociali, a partire da quelle contro la precarietà e per l’abolizione della riforma Fornero. L’unificazione e lo sviluppo di queste lotte è condizione essenziale per aprire concretamente la strada dell’alternativa e per sconfiggere la logica della guerra tra i poveri di cui si nutrono le destre fascistoidi e razziste.