L'avvio del percorso congressuale sul nostro territorio (cremonese e casalasco) è avvenuto con la convocazione del Comitato Politico Federale (CPF) aperto alle iscritte e agli iscritti. Si è svolto a Piadena e la sala della coop. la Famiglia che ci ha ospitato era praticamente piena (una quarantina di presenze). Le relazioni introduttive dei due documenti congressuali sono state svolte da Nello Patta (segretario PRC della regione Lombardia) per il primo documento e da Rita Scapinelli (segretaria della federazione di Mantova) per il secondo, entrambi membri del Comitato Politico Nazionale.

Paolo Ferrero
Assemblea Nazionale dei Comitati territoriali del No, Roma 21 gennaio 2017

Nessun aumento per le pensioni 2017!

 Neppure per le pensioni minime, sociali e gli assegni sociali, che rimangono identici all'anno 2016.

 Però scompare sulle pensioni oltre i 7000 euro mensili il contributo di solidarietà. 

Inoltre, da aprile 2017, salvo novità dell'ultimo momento, verranno recuperate sulle pensioni superiori al minimo le somme  corrisposte in più nell'anno 2015 a titolo di perequazione.

 Chiediamo a chi ci governa di dimostrarci come si può vivere dignitosamente con 501,89 euro al mese!"

Il segretario Paolo Ferrero lascia il vertice Prc dopo dieci anni.

Sono a disposizione. La sinistra non ripeta gli errori, non basta un cartello elettorale. 5 stelle sono cresciuti dagli errori della sinistra, nel governo Prodi abbiamo aperto una prateria. Il guaio non fu la lista Arcobaleno, come si continua a ripetere. Il nuovo percorso deve partire subito. Aspettare la data del voto per fare in gran fretta una lista con i soliti bilancini stavolta porterebbe al disastro.

Paolo Ferrero, lei è segretario del Partito della rifondazione comunista dal 2008. Al congresso di marzo si ricandida per la quarta volta?
No. Proporrò di cambiare.

A Milano 10-11/2/17 iniziative a sostegno della resistenza del popolo curdo.

ITALIA E UE ROMPANO RELAZIONI CON IL REGIME FASCISTA TURCO.

Dopo l'arresto dei due co-presidenti Selahattin Demirtaş e Figen Yukrsekdag, degli altri parlamentari, di sindaci e consiglieri municipali del Partito democratico del popolo (HDP) solo ipocriti o complici possono considerare la Turchia un paese democratico. La repressione brutale, la violazione sistematica dei diritti umani, la chiusura dei media di opposizione e dei social network, le epurazioni in scuole, università, amministrazioni pubbliche, le migliaia di arresti, avvengono in un paese membro della NATO e del Consiglio d'Europa. La definitiva trasformazione in un regime fascista è strettamente collegata alla guerra scatenata da Erdogan contro i curdi.

Allegati:
Scarica questo file (kurdistanTot.doc)kurdistanTot.doc[ ]80 kB

VENERDI 3 FEBBRAIO ORE 17 SALA EVENTI SPAZIO COMUNE PIAZZA STRADIVARI

Relatori:
Saverio Ferrari
scrittore ed esperto dei movimenti dell'estrema-destra
Marinella Mandelli
studiosa dell'Osservatorio Democratico sulle nuove destre
Introduce:
Gian Carlo Corada
presidente ANPI provinciale Cremona

Il X Congresso Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista è convocato a Spoleto nei giorni 31/3, 1 e 2 Aprile 2017, con all’ordine del giorno la discussione e l’approvazione dei documenti politici e delle modifiche allo Statuto, nonché l’elezione degli organismi dirigenti e di garanzia.

In allegato i documenti congressuali anche in epub.

Allegati:
Scarica questo file (XCONGRESSO.zip)XCONGRESSO.zip[ ]2959 kB

Dopo referendum, rilanciamo la lotta per l’attuazione della Costituzione
Per la proporzionale e per due Sì nei referendum sul lavoro.
La vittoria referendaria ha una portata storica. Siamo riusciti a mettere in salvo la Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza, “la più grande conquista che la classe operaia e il nostro popolo abbiano realizzato”. E’ una vittoria della democrazia contro il neoliberismo. Il referendum doveva essere il plebiscito per una leadership politica bonapartista sostenuta dal capitalismo italiano, dalla finanza internazionale, dalla troika, da tutti i poteri forti, e da un coro mediatico mai visto. Si è trasformato in una sconfitta clamorosa di Renzi e del renzismo, ma soprattutto in una vittoria popolare che ha impedito una svolta autoritaria che avrebbe segnato negativamente i prossimi decenni. A questo risultato ha contribuito in modo rilevante il generoso impegno dei compagni e delle compagne di Rifondazione Comunista, che ringraziamo.