Voglio ringraziare le candidate e i candidati, le militanti e i militanti, chi ci ha sostenuto e le persone che ci hanno votato.
In meno di due mesi abbiamo costruito un luogo politico autentico, raccolto le firme con candidature in tutta Italia, stilato un ottimo programma, fatto una campagna elettorale straordinaria sui social e negli spazi mediatici che ci hanno dato, sempre tra la gente nei limiti di pochissimi giorni che abbiamo avuto. Il tutto senza soldi, solo con la nostra passione e il nostro entusiasmo.

Il tempo è stato poco, in piena estate, e far conoscere un simbolo neonato non era facile. Pensavamo di poter ottenere un risultato diverso, ma siamo stati schiacciati, in un tempo davvero tiranno, tra voto utile e astensionismo.

Siamo però convinti della necessità del nostro progetto e della forza e coerenza delle nostre idee e delle nostre azioni. In Italia manca una forza credibile e vera di sinistra, pacifista, ambientalista, per i diritti civili, che operi con rigore l’attuazione della Costituzione antifascista.

Tutti ci chiedono di non mollare.
Dobbiamo adesso realizzare quello che dovevamo fare se non ci fosse stato lo scioglimento anticipato del Parlamento: diffondere il nuovo soggetto politico e coinvolgere la gente, radicarci sul territorio, consolidare i nostri forti legami internazionali, organizzare l’azione politica.

Unione Popolare riprende subito il cammino con militanti, cittadine e cittadini, soggettività che vorranno con noi costruire un luogo e una soggettività politica al servizio del Paese.

Non saremo ancora nelle istituzioni ma con il popolo nelle piazze, nei territori, nei luoghi di lavoro, nelle scuole e nelle università, per garantire l’opposizione sociale alle destre che governeranno il nostro Paese.

Unione Popolare lavorerà senza sosta per farsi trovare pronta quanto prima per essere l’alternativa etica, culturale, sociale, economica e politica nelle istituzioni.

Luigi de Magistris

Registrazione video di "Comizio di chiusura della campagna elettorale di Unione Popolare", registrato a Roma venerdì 23 settembre 2022 alle 19:26.

Sono intervenuti: Massimiliano Caprara (attore), Francesca Fornari (giornalista), Luigi De Magistris (già sindaco del Comune di Napoli), Francesca Gamberini (candidata di Unione Popolare), Eleonora Forensa (candidata di Unione Popolare), Giuliano Granato (candidato di Unione Popolare), Paolo Ferrero (vicepresidente del Partito della Sinistra Europea), Maria Vittoria Molinari (candidata di Unione
Popolare), Elena Mazzoni (candidata alla Camera dei Deputati per l'Unione popolare), Maurizio Acerbo (segretario nazionale di Rifondazione Comunista), Marta Collot (rappresentante di Potere al Popolo!), Enrico Calamai (già viceconsole italiano in Argentina).

 Mezz'ora in + 28/5. L'intervento dei candidati di UnionePopolare.

 

Questo è un programma diverso da quello degli altri partiti che si presentano alle elezioni del 25 settembre.

È l’unico programma pacifista e contro le guerre, per la fratellanza universale, la giustizia sociale, economica ed ambientale, contro corruzioni e mafie. È un programma che considera prioritaria l’attuazione della Costituzione Italiana, e non più solo la sua difesa. È un programma che non parla a chi ha grandi ricchezze, potere e privilegi, ma al paese reale. Un programma che si occupa dei bisogni essenziali di chi lavora ogni giorno (spesso troppe ore per troppi pochi soldi), di chi vorrebbe lavorare ma il lavoro non l’ha più, di chi è preoccupato per i prezzi delle bollette che aumentano.

 

È un programma scritto per chi aspetta troppo tempo per essere curato, intrappolato nelle code infinite della nostra sanità maltrattata. Per chi dopo quest’estate rovente è seriamente preoccupato per la salute del pianeta e per il futuro dei propri figli. Per chi è contrario alla guerra, e vuole un impegno serio per una soluzione diplomatica. Per chi pensa che le enormi disuguaglianze sociali del mondo di oggi siano tanto ingiuste quanto inefficienti per l’economia. Per chi è rimasto senza lavoro a causa della chiusura o delocalizzazione di un’impresa.

 

Questo programma è per la maggioranza sociale del nostro paese, per costruire insieme l’Italia di cui abbiamo urgentemente bisogno e ricominciare a guardare con fiducia al futuro. È stato scritto dalla società civile insieme al contributo di tanti esperti, e si compone di 120 proposte organizzate in 12 capitoli:

 

  1. Ricompensare e rispettare il lavoro
  2. Lottare per la sicurezza economica e contro la povertà
  3. Perseguire la pace e la democrazia in Europa e nel mondo
  4. Migliorare la sanità e la pubblica amministrazione
  5. Ridare dignità all’istruzione e investire nella ricerca
  6. Fermare l’autonomia differenziata e salvaguardare i beni comuni e i servizi locali
  7. Trasformare il sistema energetico e dei trasporti per attuare una vera riconversione ecologica
  8. Proteggere l’ambiente e sostenere l’agricoltura
  9. Ricostruire la nostra industria favorendo un nuovo modello di sviluppo con al centro la cultura
  10. Tassare di meno chi ha poco e di più chi ha tantissimo
  11. Combattere contro le mafie e garantire una giustizia equa
  12. Far crescere i diritti e le libertà

Sono proposte ambiziose, ma necessarie per affrontare i problemi di lungo corso del nostro paese e le nuove emergenze degli ultimi anni. È un programma visionario ed allo stesso tempo concreto, che considera prioritario il diritto alla felicità. Col sostegno dell’elettorato vogliamo aprire la strada ad un’Italia più giusta che guarda al futuro: in prima linea nella lotta alla crisi climatica, per una vita degna e una società libera. Vogliamo innescare una rivoluzione culturale che metta al centro la persona e la lotta per i diritti.

 

Unisciti a noi, aiutaci a realizzare il programma di Unione Popolare: un’Italia migliore ci aspetta.

Allegati:
Scarica questo file (Programma-Unione-Popolarer.pdf)Programma unione popolare[ ]1680 kB

Mercoledì 10/8 ore 10-13 banchetto in Piazza Roma.

Venerdì 12/8 Coop Ca' del Vescovo dalle 17 alle 20.

Sabato 13/8 Coop di via del Sale dalle 10 alle 13.

Mercoledì 17/8 Giardini pubblici lato Galleria dalle 10 alle 13.00.

Presso la sede di via Cavitelli 4 tutti i giorni lavorativi ore 11-13 e 17-19; esclusi orari concomitanti coi Banchetti.

Unione Popolare ha bisogno di te!

Rifondazione Comunista è tra le formazioni promotrici del progetto di Unione Popolare che si presenterà alle prossime elezioni politiche del 25 settembre, con Luigi de Magistris, DeMa, ManifestA, Potere al Popolo!, e centinaia di personalità, uomini e donne che cercano un’alternativa per questo Paese.

Un'alternativa pacifista, internazionalista, ambientalista e femminista, di sinistra autentica che vuole dare voce alle classi popolari e lavoratrici senza rappresentanza da troppi anni, a chi si vede ogni giorno sottrarre spazi di democrazia, a chi perde diritti mentre aumentano bollette, a chi non riesce a immaginare un futuro perché ha un lavoro precario, o un salario insufficiente o proprio non ce l'ha un lavoro, a chi non vuole la guerra e il riarmo ma più scuola, sanità, giustizia sociale e ambientale.

Un’alternativa realmente antifascista e antirazzista, radicalmente diversa dalle forze che oggi chiamano al voto utile ma che da anni sono al governo con le destre condividendo politiche guerrafondaie e antipopolari.

Con totale disprezzo per la democrazia ci impongono di dover raccogliere 40 mila firme in pochi giorni, sotto il sole d'agosto, per poter partecipare alla competizione elettorale mentre i partiti presenti in parlamenti sono esentati.

Chiediamo la tua firma per la pace e la democrazia.

Per sapere dove è possibile firmare per il tuo collegio segui la nostra pagina nazionale o la pagina locale più vicina a dove sei residente, o consulta questo elenco che viene continuamente aggiornato. Puoi seguire anche la nostra pagina Instagram.

Se proprio non trovi nulla vicino a te, scrivi alla pagina nazionale o alla mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e ti aiuteremo a trovare il modo per farti firmare.

METTICI LA FIRMA!

 

Unione Popolare, il solo voto utile per la #pace, i #diritti, il #lavoro, l'#ambiente.

È stato presentato, in un'affollata conferenza stampa, oggi 4 agosto, a #Napoli il simbolo con cui l'Unione Popolare, si presenterà alle imminenti elezioni politiche.

Insieme al suo capo politico Luigi de Magistris, alle parlamentari uscenti di ManifestA, a DeMa, a PaP e al Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea si stanno unendo centinaia di personalità, di uomini e donne che cercano un'alternativa per questo Paese.

Un'alternativa pacifista, internazionalista, ambientalista e femminista che vuole dare voce a chi è priva/o di rappresentanza da troppi anni, a chi si vede ogni giorno sottrarre spazi di democrazia, chi perde diritti, chi non ha la prospettiva di immaginarsi un futuro perché ha un lavoro precario, o un salario insufficiente o proprio non ce l'ha un lavoro.

Un’alternativa realmente antifascista e antirazzista, radicalmente diversa dalle forze che oggi chiamano al voto utile e che fino a ieri con le destre hanno governato.

Il disprezzo totale per le regole democratiche impone al nostro progetto politico, appena iniziato, di dover raccogliere 40 mila firme in pochi giorni, sotto il sole d'agosto, per poter semplicemente partecipare alla competizione elettorale. Siamo certi di farcela grazie alla generosità e all'impegno di tante e tanti che non si rassegnano. Sono queste donne, questi uomini a dimostrare quotidianamente che esiste un Paese diverso e migliore della classe politica che oggi lo rappresenta e lo governa.

Maurizio Acerbo , Segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea

 

 

L’allargamento della NATO a Est è alla base dell’escalation in Ucraina. La Russia non può accettare di ritrovarsi missili e basi NATO ai suoi confini, né può voltare le spalle alle popolazioni russe del Donbass a cui l’Ucraina nega persino l’autonomia prevista negli accordi di Minsk, condivisi dal consiglio di sicurezza dell’ONU. La neutralità dell’Ucraina e il riconoscimento dei diritti delle popolazioni delle regioni di lingua russa in uno Stato plurinazionale sono l’unica via di uscita dalla crisi. Gli USA alimentano un clima di guerra per ragioni geopolitiche ed economiche: vogliono bloccare la crescita delle relazioni economiche degli alleati europei con Russia e Cina, bloccare i gasdotti russi, costringerci ad acqui- stare il loro gas liquido, tenere alti i profitti dell’industria bellica. La guerra USA contro Russia e Cina è anche una guerra contro i suoi alleati europei. Dopo trenta anni di guerre dovrebbe essere evidente che l’atlantismo – ideologia ufficiale del PD e di gran parte delle forze politiche – contrasta con la nostra Costituzione che ripudia la guerra. I valori dell’atlantismo sono pura ipocrisia, come dimostra la presenza della Turchia di Erdogan. La NATO è un ostacolo a una democrazia globale. L’Italia deve smettere di essere suddita di USA e NATO andando contro i propri interessi. L’Italia deve fare una politica di pace, ridurre drasticamente le spese milita-ri, ritirare le truppe e le navi dall’Europa orientale e schierarsi nettamente contro la guerra.